Festa di primavera

Pianura di Padova

Italiano

What distinguishes a good bonsai show?

The way they are presented, the atmosphere, the location or just for the quality of the trees? Last week-end I was invited to Associazione Euganea del bonsai di Padova, a small city near Venice and I just couldn’t refuse. The club was founded in 1987 on the same spirit as the Nippon Bonsai Sakka Kyookay Europe, more modest yet sharing the same enthusiasm. Most of the members are also members of the Sakka.  It was as perfectly organized as the Summer Bonsai Festival and I only expected an impeccable “Festa di primavera”. The show was held in a covered atrium, which was a courthouse back in the 1800s. The walls of the building are austere, but thanks to the glass roof natural light shines in mysterious ways and brings the interior to life and imbues the atmosphere with joy, which I think is a first for this particular place.

Something made this show special

Not just the synergy between music, painting and japanese culture with bonsai, which is not to be discounted, but perhaps the bonsai on show were really special: 60 trees each one from a different member of the club!! Can you believe it, 60 members. I don’t know about you, but in my country it’s already a task to have 60 trees on a show, not to mention 60 members.
The quality of the trees was high, yet not all were mature, some had still a wire on, some were not in the appropriate pot, some were way to unripe for a show, but exactly these little imperfections made the show so remarkable. As a beginner looking at mature trees warms my soul and encourages me to learn more in order to achieve this ripeness one day in the future. And again one aspect that made this show so special is the chance to see others in exactly my same level and be able to exchange opinions, ideas, advice with more wise bonsai lovers knowing that in my garden back home I have to deal with the same problems and mistakes that they have. The atmosphere was relaxed and positive without that negative feeling called “envy” that I always feel in shows with a judgment.

ScreenShot137

Edoardo Rossi did a demonstration on a ishizuki

An Ishizuki is a composition on rock – I never had a chance to create one and now it’s on my to do list, and of course I had to ask as many questions as possible. The nice thing about Edoardo, he always explains the hole procedure as simply and clearly as possible, I am a Japan enthusiast and for me the Japanese words are pretty understandable, but for the audience that maybe just happened to pass by the Japanese vocabulary is definitively way to complicated. So he tried not to use Japanese words, like Akadama, keto, goyomatsu, sashieda or ishizuki and so on. At the show he also explained the trees exposed, again in the simplest Italian possible. In the evening there was a conference about the correlation of the tree, with Japanese music and Japanese tradition for a couple of presentations in the tokonoma. Unfortunately I missed it but it seems that the audience loved it.

Ishizuki demostration

The next day

We went to a bonsai nursery about 60 km from Padova. I already went to several bonsai nurseries in Italy and I have come across some weird places and expensive facilities. But nothing came even near to the quality of Barbazza nursery. It’s not really big, well not every green house was filled with plants, but it has a variety of trees of such quality that I have never seen before.

By the entrance the solitaries are placed on nice grey square podiums in order to emphasize their beauty and after that walking through the garden you have all kin of species: all the art of acer, cotoneaster, prunus, gingko, carpinus, fagus and many more. All kinds of juniperus chinensis, from very small shohin to the biggest one meter tree. Of course all the pinus were on the selling shelves: densiflora, pentaphylla, thunbergii and my beloved picea jezoensis not so many to choose from but the only one that caught my eye at the entrance is now in my garden. In the greenhouse the tropical and Mediterranean plants are placed as well as lots of soil in different quality, pots and tools. When I go back to that region of Italy I will definitely go and make a second visit.

Me inspecting some juniperus

Edoardo’s Garden

In the afternoon my friend went to rest and I had the chance to visit Edoardo’s garden. I have to tell you a little story first about this nice bonsai master. I met him at the Summer Bonsai Festival and felt a little bit intimidated by his appearance not because of his size, he’s a small cute bold Italian man, but because of this presence. When he entered the room everybody stood still and started waiting for him to say something. I once asked him if he had a moment, he replied: “no, not now!”. Well that was my first impression of him, but then I happened to chat with his wife and she told me that Edoardo may seem a bit harsh but underneath he’s a very sensible man. And again this confirms my theory that the best bonsai masters are the most sensitive.
Ok, were was I? Yes! Edoardo’s Garden it’s a well-organized garden with everything that a Japanese garden needs: a big tree in the entrance, prunus and malus were just blooming and the pinus sylvestris is welcoming the guests; waterfall and pond with goldfish; an outdoor tokonoma, an indoor tokonoma; the green house; the solitary shelves and the shohin shelves, the growing section where he spends most of his time experimenting and trying new techniques and last but not least the school room full of books, bonsai tables, bonsai pots and all what is needed to teach bonsai. Edoardo has a bonsai school, I believe he will disagree with my words, it’s more a place to learn bonsai rather than a school, I know it may seem the same but it’s not. A school has a chalkboard, a bad teacher and a report card. Edoardo’s place is more peaceful, not so strict and has a good teacher that teaches from and with the heart.
Do you remember Isao Fukita’s words at the Summer bonsai Festival: a bonsai lover needs knowledge, technique and sensibility. Edoardo’s words are: to do bonsai you need your brain, your hands and your heart.
The entrence of Edoardo's garden
This three day journey in Italy showed me again that there is no right or wrong way to do bonsai. The show was right for me because it had lots of unripe trees and wasn’t judged. To purchase the right tree you don’t have to search for it, if it’s there then it’s yours, that happened at Barbazza’s nursery. A visit to a friend garden can only open your mind and heart to new aspects of bonsai.
Bonsai has to come from deep within, only then it can become “your way”: the only true way.

Photo:©Lili Gut Ricciardella


Cosa caratterizza un bonsai show di qualità?

L’allestimento , l’atmosfera, la location o solo per la qualità degli alberi esposti? Il week-end scorso sono stata invitata dall’associazione Associazione Euganea del bonsai e non potevo non andare. L’associazione nasce nel 1987 con lo stesso spirito della Nippon Bonsai Sakka Kyookay Europe, con lo stesso entusiasmo, solo più modesta . Il club conta un buon numero di soci. Visto che l’organizazione del summer bonsai festival era perfetta, non potevo che aspettarmi un impeccabile Festa di Primavera. La mostra è stata allestita nel Palazzo di Giustizia dell’ottocento, all’interno dell’ atrio coperto . Le mura sono severe ma grazie al tetto in vetro la luce entra nell’atrio in modo misterioso e coinvolgente rendento tutto l’interno del palazzo vitale e gioviale; ben diverso quindi da quando all’interno di quelle stesse mura venivano condannati i criminali.
C’era qualcosa che ha reso questa mostra speciale, intendo oltre la sinergia tra musica, pittura, oltre la cultura giapponese e del bonsai che non è cosa indifferente, ma sono stati propri gli alberi esposti a rendere la mostra speciale.
Ogni albero appartiene ad un altro membro del club, vale a dire 60 alberi=60 membri che hanno esposto la loro pianta. Sessanta membri!!! Nel mio paese è gia una conquista tirare assieme sessanta alberi per una mostra!
La qualità delle piante esposte era alta anche se la maggior parte delle piante non era da considerarsi matura per una mostra di alto livello, alcune avevano ancora il filo, altre non avevano il vaso appropriato ma sono state proprie queste imperfezioni a rendere la mostra e l’atmosfera speciali. Come principiante guardo alle piante mature e il mio animo si riscalda e mi incoraggia d’imparare di piu per arrivare un giorno a quella maturità; ma un’aspetto sicuramente interessante di questa mostra era la possibilità di vedere altri al mio stesso livello e di poter scambiare opinioni, idee, consigli anche con i piu esperti, sapendo che nel mio giardino ho a che fare con gli stessi problemi ed errori che anche loro hanno fatto nel passato.
L’atmosfera alla mostra era rilassata e piena di energia positiva senza quella negatività chiamata “gelosia” che circola nelle esposizioni con giudizio.

Edoardo Rossi ha fatto una dimostrazione su un ishizuki

Un ishizuki è una composizione su roccia – non ho mai avuto la possibilità di farne una ma ora è sulla mia lista di cose da fare), e naturalmente ho preso l’occasione per fare domande. Quello che a me piace di Edoardo è che spiega le cose in modo semplice e conciso. Sono un amante del Giappone e ho dimesticatezza con il vocabolario giapponese bonsai, ma per lo spettatore che passa a vedere la mostra le parole giapponese sono troppo complicate. Cosi ha evitato l’uso di parole come akadama, keto, goyomatsu, sashieda o ishizuki e via dicendo. Alla mostra ha perfino fatto un giro guidato degli alberi e spiegando e descrivendo le piante in un italiano molto semplice.
In serata c’è stata una conferenza sulla relazione tra albero, musica giapponese e filosofia giapponese all’interno del tokonoma. Sfortunatamente non sono riuscita ad assistervi, ma sembra che sia stata molto apprezzata dal pubblico.

Il giorno dopo

Siamo andati ad un vivaio bonsai a circa 60 km da Padova. Ho visitato tanti vivai in Italia è mi sono imbattuta in posti strani e strutture all’avanguardia. Ma nessuno si è neanche avvicinato alla qualità il vivaio di Barbazza. Non è grandissimo, non tutte le serre sono piene, ma la varietà e qualità del materiale giapponese è straordinario e mai visto altrove.
All’entrata i solitari sono posizionati su grandi blocchi grigi per accentuarne la bellezza poi proseguedo, oltre si arriva nel giardino pieno di essenze di ogni tipo: tutte le specie di aceri, cotoneaster, prunus gingko, carpini e faggi e molto di piu. Ginepri di tutte le dimensioni, dai piccoli shohin fino ai grandi alberi di piu di un metro d’altezza. Ovviamente no possono mancare i pini: densiflora, pantaphylla, thunbergii e poi i miei amati abeti ezo, non in gran numero ma quello che ha colto la mia attenzione ora sta nel mio giardino. Nelle serre coperte trovano posto le essenze tropicali e mediteranee come anche terriccio di ogni qualità, vasi e atrezzi. Se avrò l’occasione di tornare da queste parti, sicuramente tornero’ a visitare questo vivaio.

Il giardino di Edoardo

Nel pomeriggio la mia amica ha preferito riposarsi in camera, cosi’ io ho avuto la possibilità di visitare il giardino di Edoardo. A questo punto devo raccontare una storiella su questo simpatico maestro. L’ho incontrato la prima volta al Summer Bonsai Festival e ne ero un pochino intimidita, non tanto per la sua grandezza, è un piccolo ometto italiano un po’ calvo, ma per la sua presenza. Quando entra in una stanze tutti sembrano tacere ed attendere che dicesse qualcosa. Una volta gli ho chieso se aveva tempo per una domanda e lui mi ha risposto: “no, non ora”.Beh, quella era la mia prima impressione ma poi ebbi la possibilità di chiaccherare con sua moglie e mi disse che puo sembrare un po scorbutico in certi momenti ma sotto sotto è una persona amichevole e sensibile. Cosa che conferma la mia teoria: i maestri migliori sono anche i piu sensibili.
Dov’ero rimasta? A si! Il giardino di Edoardo è ben organizzato con tutto quello che un giardino giapponese dovrebbe avere: grandi alberi all’ingresso, un prunus e un malus erano in fiori proprio durante la mia visita e un pino saluta gli ospiti; uno stagno con cascata e pesci rossi; un tokonoma d’esterno e uno all’interno; una serra; mensole con i solitari e mensole con i shohin; un’area per la cultura e crescita delle piante dove passa il piu del suo tempo a sperimentare e provare nuove tecniche e, per ultimo, l’area per la didattica piena di libri, tavolini per bonsai, vasi di ogni grandezza e colore e tutto il necessario per insegnare bonsai. Edoardo ha una scuola bonsai, anche se credo a lui non piaccia molto questa definizione. Ha un luogo per insegnare bonsai che è molto diverso di una scuola, non sembra ma è cosi. A scuola c’è una lavagna, un cattivo insegnante e una pagella. Il luogo di didattica di Edoardo è piu pacifico, non cosi rigoroso ed è un’ insegnante che insegna soprattutto col cuore.
Vi ricordate le parole di Isao Fukita al summer bonsai festival, per essere un buon bonsaista hai bisogno di conoscenza, tecnica e sensibilità. Il credo di Edoardo è: per fare bonsai hai bisogno della testa, delle mani e del cuore.
Questi tre giorni in Italia mi hanno confermato che non c’è un modo giusto o sbagliato di fare bonsai. La mostra è stata un’occasione unica per apprezzare una dimensione differente dell’esporre, dove le piante non erano sicuramente ancora mature ma che raccontavano molto dei loro proprietari. Quando si acquista una pianta, non la si deve cercare, se arriva la prendi e basta ed è quello che mi è successo da Barbazza. Una visita nel giardino di un amico può aprirti la mente e il cuore per nuovi aspetti del bonsai.
Fare bonsai deve venire dal di dentro, solo a quel punto diventa la “tua via” e solo allora diventerà la giusta via.

…love, Melanie!

Instagram – Twitter – Facebook – YouTube – Tumblr

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*